Tanta delusione, troppa e difficile da digerire. La sapienza però di coach Vittorio è pregnante analizzando una sconfitta che potrebbe anche avere risvolti positivi ed ha dimostrato che l’Amatori Catania può mettere sotto chiunque.

“C’è direi tanta rabbia più che delusione – afferma Vittorio – abbiamo giocato bene, veloci e rapidi impostando la gara come volevamo. Loro sono rimasti su grazie all’esperienza e alle innumerevoli punizioni che gli abbiamo concesso. Parlare dell’arbitro non mi va, basta osservare e chi era al campo si sarà fatto un’opinione. Noi abbiamo anche sbagliato qualcosa e loro sono stati bravi a sfruttare e raccogliere tutto. Loro hanno fatto sentire il peso della loro mischia e noi potevamo gestire alcuni momenti ma molti di questi non è di peso da noi ma da fattori consegnati da alcune decisioni di chi fa rispettare le regole in campo”

“Però noi abbiamo dimostrato tanta forza nonostante le tantissime assenze che avevamo – conclude Vittorio – oggi abbiamo giocato bene mettendo in campo un ottimo rugby e mettendo sotto un avversario ultra forte come Civitavecchia. Potrebbe essere questa sconfitta una spinta in più per limitare del tutto gli errori e diventare una mina impazzita perfetta pronta a fare male sempre all’avversario”

Finale dedicato a Davide Vasta: “peccato perché la vittoria era alla nostra portata e questo può tenerci su con il morale. Siamo consapevoli adesso di poter battere chiunque perché a venti minuti dalla fine eravamo sopra di 9 punti. Delusione ma voglia di migliorare sempre e non voglio entrare nemmeno nelle decisioni arbitrali, guardiamo avanti e pensiamo ad inanellare una nuova serie positiva che possa regalare la finale per la serie A”