Parola di capitano, Saretto Di Paola lancia la stagione dell’Amatori e promette la serie A.

Poche parola ma tanto lavoro e applicazione. Il Benito Paolone, ex Goretti, teatro della preparazione dell’Amatori Catania che cresce giorno dopo giorno. Coach Vittorio continua a torchiare i suoi dal punto di vista mentale e tattico per partire nel migliore dei modi nel prossimo campionato di serie B. Tassello fondamentale la guida, il capitano, il fulcro della squadra Saretto Di Paola carico al punto giusto e bramoso di cominciare il nuovo campionato.

“Stiamo bene e stiamo lavorando nel migliore dei modi, nonostante lo stato non straordinario del nostro impianto – chiosa Di Paola – Per noi però non è stato mai un problema, ma il rugby deve tornare a ruggire dentro e fuori dal campo. Riportare risultati importanti per l’Amatori può essere un volano fondamentale anche per svegliare altri settori e ridare lustro a questo sport”

“Noi siamo una squadra forte, formata da tanti giovani interessanti e che possono recitare un ruolo da assoluti protagonisti nel prossimo campionato. Vogliamo vincere il campionato – afferma Di Paola – non esiste altro risultato. Gli avversari sono sicuramente di livello, da Benevento con una grossa tradizione come la nostra alle spalle, al Messina rimpolpato da stranieri davvero niente male e occhio al Cus che sarà il nostro primo avversario”

“Noi dobbiamo guardare però solo a noi stessi – conclude il capitano Saretto Di Paola – noi siamo l’Amatori e fare parte della storia del rugby catanese è già motivo di vanto. Questa maglia e tutto il movimento “rugbistico” deve rinascere e ci sono tutte le credenziali per riportarlo dove merita”

Amatori che continua come dicevamo la preparazione al Benito Paolone: per Ezio Vittorio lavoro tattico incastonato dalla forza e dalla resistenza del preparatore atletico Marino. Giorni importanti insomma che porteranno poi all’inizio del campionato con una partenza firmata dal derby contro il Cus Catania davvero niente male.

Amatori Catania Rugby
Ufficio Stampa
Attilio Scuderi