Domenica 8 marzo è stata per l’Amatori Catania Rugby un’altra sconfitta, stavolta pesante nel risultato, 38-12, bisogna andare indietro di alcune stagioni per un passivo così. La Primavera Rugby, che aveva battuto già CUS Roma e Benevento, senza scrupoli già nel primo tempo fa la partita, chiudendolo per 27-5, complice un’Amatori Catania rimaneggiato e con pochi ricambi.

Ciononostante i biancorossi riescono a fare due mete con Montedoro e Zappalà, considerando che la Primavera Rugby aveva subito solo due mete nelle precedenti partite è un segno, qualora ce ne fosse bisogno ripetere, della qualità dei giocatori dell’Amatori Catania. Purtroppo le defezioni dell’ultimo momento, le pesanti squalifiche, oltre agli infortuni hanno minato questa seconda parte di campionato. I “pochi” guerrieri andati in campo hanno venduto cara la pelle e le due mete in casa della Primavera Rugby lo testimoniano.

Il campionato di  serie B si ferma per due settimane per il Sei Nazioni, l’Amatori Catania Rugby torna a giocare al “Benito Paolone”, ex Santa Maria Goretti, domenica 29 marzo alle ore 14:30 contro il CUS Roma, sarà il momento di togliersi alcuni sassolini dalla scarpa… se l’accesso ai play off serie A è solo appeso alla matematica, non lo è l’onore e l’orgoglio di questo gruppo di ragazzi, soli, senza sostegno di sponsor né di istituzioni pubbliche, che portano ancora avanti il nome di una società che ha rappresentato Catania e la Sicilia intera in Italia e in Europa.