In riferimento al provvedimento disciplinare N. 2 stagione sportiva 2015/16 che ha colpito il nostro Team manager Massimiliano Vinti, a cui sono stati inflitti in 2° grado sei mesi di squalifica con ammenda nei confronti della nostra società, nell’accettare come sempre le decisioni prodotte dalla giustizia sportiva,

ci preme puntualizzare che:

Massimiliano Vinti in occasione della gara Amatori Catania Rugby-Cus Roma del 29 Marzo 2015 entrava in campo come fotografo pur essendo squalificato. A seguito della segnalazione alla Procura federale, la stessa presentava ricorso al giudice sportivo in merito alla presenza in campo del nostro tesserato.

Da ciò il Tribunale Federale in 1° grado ha assolto Massimiliano Vinti ribadendo l’infondatezza dell’accusa rilevando che il fatto non sussiste. Dalla assoluzione per tanto si evince che la norma da adito a difficoltà interpretative.

Spiace riscontrare che il presidente del Comitato Regionale F.I.R. dott. Orazio Arancio sia intervenuto nella disputa contro la nostra società e il nostro tesserato pressando con una mail indirizzata alla procura di presentare Appello.

Chi svolge tale ruolo, per noi, avrebbe dovuto evitare di farsi coinvolgere emotivamente nell’esercizio delle Sue funzioni. Infatti la scelta, dopo l’assoluzione in 1°grado, se presentare ri-corso o meno spetta esclusivamente alla Procura federale, che a prescindere dalle pressioni decide in autonomia essendo uno degli organi di massima legalità del nostro movimento.

In conclusione se vogliamo far sì che in Sicilia il movimento cresca in un clima di collaborazione e non con astio e accanimento, pensiamo che l’invio di tale mail da parte del presidente regionale F.I.R. porti solo a destabilizzare l’ambiente.