Stagione strepitosa dei ragazzi di Ezio Vittorio, grande gara di cuore e passione ma restano decisivi i venti minuti di blackout dell’andata. VII Torinese vola in serie A.

Peccato, perché in fondo oggi bastava poco. Peccato perché la stagione della Bingo Family Amatori Catania è stata straordinaria e l’unico blackout, di soli venti minuti, della gara d’andata rimane l’unico neo purtroppo decisivo che spazza via il sogno serie A.

Ma la meta all’ultimo minuto, quella della vittoria l’ennesima in campionato con un Paolone inespugnabile in stagione, dimostra la voglia, l’abnegazione, il carattere di una squadra con un’età media bassissima, appena 22 anni, con grandi prospettive davanti che oggi ha sfiorato il miracolo rimonta firmato serie A.

Il passivo dell’andata era forse troppo grande, ben 19 punti, con almeno 4 mete da fare per gli etnei contro una squadra rodata, con un progetto economico importante dei piemontesi che sul campo avevano sfiorato la promozione già nella passata stagione.

Il pubblico è stata l’altra grande conquista di una stagione pazzesca, oltre tremila presenze a sostenere e sospingere l’Amatori verso la prima meta al minuto venti grazie alla veemenza di una partenza ricca di passione. Cosentino metteva a terra e Borina trasformava il 7-0. La pressione saliva, l’adrenalina pure ma la freddezza e la fretta mandava alle ortiche la seconda meta con Mazzoleni prima e azione centrale non concretizzata da Butler. La fase difensiva funzionava, la mischia pur soffrendo teneva botta anche se in touche molte situazioni non venivano sfruttate. Al minuto trenta ancora forza, ancora veemenza da parte di Cosentino che riusciva ancora a sfondare per la seconda meta, tutto secondo progetto di rimonta con Borina ancora chirurgico a centrare i pali. Ma nel finale, proprio al 40’ del primo tempo un errore proprio in touche portava meta al VII Torinese che rialzava la testa per il 14-5 per fortuna non trasformata.

Nella ripresa ancora occasioni sprecate o forse non viste dall’arbitro come la meta non meta di Mazzoleni ad inizio ripresa o due situazioni importanti sotto l’area di meta non concretizzate per errori di passaggio. Vittorio cambiava, girandola di sostituzioni, ma le forze venivano meno e al ventesimo il VII Torinese concretizzava la Meta del 14-10. Stesso discorso cinque minuti più tardi con un’azione personale messa oltre la linea entrambe non trasformate.

Discorso praticamente finito sul 14-15 ma negli ultimi minuti l’Amatori provava lo stesso, con il cuore e l’orgoglio che ha sempre contraddistinto i ragazzi di Vittorio. Ancora possibilità sprecata sotto la linea di meta, fino a quella ad uno dalla fine con Giarlotta trasformata ancora da Borina ma che risultava tardiva ed amara.

Finiva cosi con il VII Torinese in serie A ma con forte abbraccio ed applausi da parte dei tre mila del Paolone verso una straordinaria stagione della Bingo Family Amatori Catania che rimane imbattuta al Paolone dove nessuno è riuscito a battere gli etnei. Un cuore che batte forte adesso, che pompa passione e che non vuole smettere di progettare e correre per consegnare nuovo ossigeno e linfa per il rugby catanese firmato da un Amatori Catania che c’è e continuerà a sognare e progettare.